Qualcuno vive bene lo stesso…


fuckL’altro ieri ho comprato un quotidiano. Ho bisogno la carta per fare uno dei miei vari Art Attack. Ogni tanto devo dare sfogo al Giovanni Muciaccia che c’è in me, lo ammetto.
E’ un quotidiano italiano importante e mi sembra sprecato ridurre il giornale a brandelli senza prima averlo letto, lo sfoglio e dopo poche pagine decido che va bene lo stesso e inizio con gli strappi.
Il concetto è: ma devo pagare per avere un’informazione così?
Le pagine che in genere comprendono i titoloni di politica, cronaca, economia, notizie importanti, non arrivano a contare nemmeno una decina di notizie. Insomma, una trentina di fogli per trattare di Ruby, Fiat, Tunisia, malasanità, immigrazione e un buco con un articoletto sulla plastica.
Cioè ma una decina di notizie e stop? Ma nel mondo non succede più nulla? O non se ne accorge nessuno, forse?  L’informazione fa sempre più pena, qui come all’estero. Tagli sempre più rilevanti comportano la riduzione delle notizie e la possibilità di cercarle da parte dei giornalisti (almeno quei pochi che ancora sanno cosa vuol dire fare questo mestiere). Meno immagini, meno parole, meno consapevolezza. Solo una rappresentazione dell’attualità ridotta ad uno show. Gli attori sono sempre gli stessi e i luoghi anche; i giornalisti cercano tutti le stesse notizie, raccontano tutti le stesse cose. Certo, tutti fatti importanti, vicende o circostanze rilevanti ma sempre la solita minestra…
Poi, ogni giorno mi guardo intorno e vedo il livello di cultura generale, l’incapacità di ragionare con il proprio cervello, l’asservimento alla religione o alla politica e mille situazioni che mi fanno venire solo il latte alle ginocchia. Molti dei miei colleghi mi dicono che vivono ugualmente bene. Non ho dubbi, basta fregarsene:  nessuno è obbligato a conoscere fatti e persone che se ne stanno dalla parte opposta del mappamondo o anche solo nella propria città. Nessuno. Ma a me sembra così stupido e limitato pensare e vedere “il nulla” al posto del “resto del mondo”.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: